Il “teatro” della Natività: il presepe napoletano

 

Il presepe napoletano, forse la più celebre interpretazione locale della Natività, ambienta tradizionalmente la Sacra Rappresentazione nella Napoli del Settecento, interpretandola in senso fortemente teatrale, con soluzioni visive molto vivaci, colorate e piene di calore.

Nani e ubriachi accanto al Bambino

La tendenza a mescolare il sacro con il profano, delineatasi alla fine del Seicento, è alla base di questa scelta di stile, che introduce nel presepe statuine di personaggi del popolo come i nani, le donne con il gozzo, i mendicanti, gli ubriachi, gli osti, i ciabattini…
Insomma, la rappresentazione della vita quotidiana delle vie e dei vicoli della città entra prepotentemente nella Sacra Rappresentazione, mostrando gli umili e i derelitti, che Gesù più di ogni altro amava e tra i quali era nato.

Dalle chiese alle dimore dei nobili

Come passo successivo, nel corso del Settecento il presepe napoletano esce progressivamente dalle chiese, dove era oggetto di devozione come fosse stato una reliquia, per “laicizzarsi”, entrando nelle dimore dell'aristocrazia.
I nobili fanno a gara per allestire impianti scenografici sempre più complessi. Giuseppe Sanmartino, forse il più grande scultore napoletano del Settecento, abilissimo a plasmare figure in terracotta, dà inizio ad una vera scuola di artisti del presepio.

Un presepe fatto di botteghe

La scena si sposta progressivamente al di fuori del gruppo della Sacra Famiglia, si diffondono le rappresentazioni delle botteghe con esposte le carni fresche, i pani ed i cesti di frutta e verdura, le scenografie diventano sfarzose e particolareggiate, si strutturano su più piani e vedono l’aggiunta di particolari architettonici ispirati ai templi greci e romani, a sottolineare il trionfo del cristianesimo sul paganesimo.

Il presepe della reggia di Caserta

Uno dei più preziosi esempi di presepe napoletano è dato dalla manifattura in terracotta con pezzi risalenti al XVIII secolo che si trova nella sala Ellittica della Reggia di Caserta. Si tratta dell'allestimento/restauro del 1988 che ha ricomposto filologicamente il presepe di Corte.

La realizzazione del presepe era, per tradizione, attività collettiva della corte borbonica: vi partecipavano non solo artisti ed artigiani, ma anche le nobildonne di corte, abilissime nel confezionare gli abiti di tutti i personaggi: dagli umili pastori ai mercanti vestiti all'orientale, con sete multicolori e gioielli in filigrana e corallo.

Nella tradizione di Corte, le statuine erano poste sul cosiddetto scoglio, una struttura di base in sughero sulla quale venivano organizzate le diverse scene della raffigurazione della Natività: l'Annuncio ai pastori, l'Osteria, il viaggio dei Re Magi etc.

Il significato moderno

Oggi il presepe napoletano non può più considerarsi solo un simbolo religioso: è diventato un vero e proprio elemento culturale unificante, una tradizione cara anche ai laici perché identificativa della comunità di appartenenza ma anche fortemente orientata alle contaminazioni e sperimentazioni.

Nelle innumerevoli esposizioni che a partire da novembre vengono allestite in tutta la Campania, e che dall’8 dicembre culminano con la mostra degli artigiani nella via di San Gregorio Armeno, non mancano le creazioni originali di giovani artisti: presepi in miniatura, presepi all'interno di lampadine, presepi all'interno di una cozza, di una rosa essiccata, fino ad arrivare alle creazioni del maestro d'arte Aldo Caliro, che ha “scolpito” la Natività con precisione microchirurgica in una lenticchia, sulla testa di uno spillo e…. in una fibbra ottica di 0,75mm di diametro!

 
 

Articoli correlati

"O' Presebbio" la tradizione di Napoli

Dalla progettazione, che inizia a novembre e coinvolge tutta la famiglia, allo shopping a ...
Il mondo del Presepe

Il Mondo del Presepe: la tradizione napoletana in ogni statuina

Dalla grotta ai Re Magi, dai pastori al bue e all’asinello, per arrivare ovviamente alla S...

Il mondo del Presepe Napoletano

Vivi la magia della Natività! Una collezione di splendide statuine in porcellana, dipinte ...
tower-obj_MA1-449
 
Commenta
 

Accedi o registrati per inserire un commento

CMS: Ariadne Content Manager